Category Archives: old

Il fondamentalismo islamico, la Primavera Araba e la Sinistra

Manifestazione della sezione giordana dei Fratelli Musulmani (AFP/Getty Images)

Manifestazione della sezione giordana dei Fratelli Musulmani (AFP/Getty Images)

Intervista a Gilbert Achcar di Ashley Smith
Da International Socialist Review

Gilbert Achcar è professore di relazioni internazionali presso la School of Oriental and African Studies (SOAS) dell’università di Londra. È l’autore di numerosi libri tra cui “Scontro tra barbarie. Terrorismi e disordine mondiale“, “The Arabs and the Holocaust: The Arab-Israeli War of Narratives“, “Marxism, Orientalism, Cosmopolitanism” (Haymarket, 2013) e “The People Want: A Radical Exploration of the Arab Uprising” (University of California, 2013). Ha appena pubblicato “Morbid Symptoms: Relapse in the Arab Uprising” (Stanford University Press, 2016). Ashley Smith lo ha intervistato su una delle domande più importanti poste dalla Primavera Araba: la sinistra cosa ha capito del fondamentalismo islamico e come ci si relaziona? Read more

Dalle giungle di Phnom Penh alle urne italiane: cinque anni di stupidaggini.

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Niente da fare: in Italia il vento del cambiamento è stato repentinamente arrestato dall’inerzia di un popolo che ha preferito la conservazione al NUOVO™.

Lessico renziano a parte siamo tutti contenti della vittoria del No e posso finalmente dire dopo 15 anni di militanza di aver contribuito a far cadere un governo borghese. Ovviamente questa ardua lotta non sarebbe stata vinta senza l’aiuto del presidente Pol-Pot che ci ha inviato due commissari politici direttamente dalla Kampuchea Democratica. Questo è un attestato di “stima” per il Talleyrand del Partito Democratico e per il Peròn della destra italiana, due tizi che tutti stanno provando a “rottamare” da circa dieci anni ma che alla fine si ritrovano sempre sulla riva del proverbiale fiume guardando scorrere i cadaveri dei loro avversari. Il tutto mentre il CNEL, additato come fonte di tutti i mali e gli sprechi della Repubblica, è sopravvissuto al tentativo di cancellarlo.

In tutto questo oggi il blog compie il suo primo lustro. Torno a fare ironia sulla politica nazionale proprio come facevo agli esordi in cui celebravo l’infausta nascita del Governo Tecnico, film di cui forse dobbiamo aspettarci un remake.

P.S.: malgrado l’ironia al referendum ho votato veramente per il NO. Questo l’appello lanciato dalla pagina facebook del blog:

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva