Tag Archives: Fantascienza

Tartarughe ninja antifasciste – 8 bit edition

antifascist teenage ninja turtles 8-bit

Cliccalo per allargarlo

Negli ultimi anni la carenza di originalità nelle sceneggiature cinematografiche viene compensata facendo leva sulle nostalgie degli spettatori riproponendo rifacimenti dei classici dell’infanzia.

Ovviamente anche io sono cascato nella trappola del revival e torno ad omaggiare le antifascistissime tartarughe ninja, stavolta con una grafica retrò ad 8-bit per i nostalgici dei vecchi videogiochi.

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Join the Resistance – Join the Maquis!

Cliccalo per allargarlo

Torno a trattare il cinquantennale della migliore saga fantascientifica mai ideata dall’intelletto umano.

Si può dire con sicurezza che la Federazione Unita dei Pianeti è una delle migliori idee di società, purtroppo come tutte le creazioni umane è lungi dall’essere perfetta. Ovviamente qualsiasi falla del sistema si può ovviare con la sacrosanta autorganizzazione popolare.

Celebro dunque la gloriosa resistenza dei Maquis che, contro ogni accordo di spartizione fatto dalle superpotenze, si sono armati per difendere il proprio diritto ad autogovernarsi sulle proprie terre.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Darth Proffe Awakens

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Piccola locandina “di servizio” per un amico che malgrado sia mediamente intelligente ha questo gran difetto di sbrodolarsi per la saga più inutile della fantascienza.

Il microhero all’inizio doveva assomigliargli, poi mi sono dovuto scontrare con la dura realtà di non riuscire a trovare dei template con la pancia prominente, il nasone che fa provincia e le orecchie che potrebbero tranquillamente sostituire le antenne paraboliche. Il brizzolato invece è riuscito benissimo.

Salva

Salva

1966-2016: 50 anni di Star Trek

startrek_50ennale

Cliccalo per allargarlo

Cinquant’anni fa andava in onda la prima puntata della serie televisiva che ha cambiato la fantascienza. Quello che alla prima occhiata doveva sembrare un western ambientato nello spazio profondo si è rivelato poi essere un momento di denuncia del razzismo, dell’omofobia e di un sistema economico basato sul denaro e lo sfruttamento, nonchè un faro di uguaglianza interrazziale dei militanti per i diritti civili statunitensi e per i combattenti anti-apartheid sudafricani.

Questa locandina è la mia manciata di spiccioli (ispirata alla copertina di una rivista di astronomia) per questo anniversario.

Noi continueremo ad andare coraggiosamente dove nessun uomo è mai giunto prima. Non solo nello spazio.

Salva

Salva

Salva

Aleppo brucia

aleppo_bruciaCliccalo per allargarlo

I miei due spicci a sostegno del popolo siriano che ad Aleppo si trova a dover subire l’aggressione del regime di al-Asad e dei suoi sponsor internazionali da cui prende ordini.

Nella (dubbia) speranza che nella campagna di mobilitazione su scala mondiale l’Italia non sfiguri e magari a Roma si veda anche qualche elemento dei militanti “internazionalisti” ben attenti a mobilitarsi solo a targhe alterne.

Anche su Goodmorning Left Side

Khan Shot First

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Ritorniamo per la (speriamo) penultima volta alla saga più sopravvalutata della galassia, questa volta con il subvertising di una celebre campagna che chiedeva la fine del revisionismo dei film originali da parte di George Lucas.

Il personaggio in questione, il cattivissimo Khan della serie originale di Star Trek, ovviamente sfugge ai moralismi della saga fantasy spaziale che ora sta ritornando in auge e non si fa problemi a sparare per primo.

Questo invece è il commento di Dio sulle differenze tra la due saghe:

Tanta gente non ha ancora capito la differenza tra Star Wars e Star Trek, perciò mi assumo questo ingrato compito.
In realtà è molto semplice: Star Wars è future fantasy, ovvero una favola con robe futuristiche spaziali, che nella maggior parte dei casi non hanno senso, però sono molto fighe.
Star Trek invece è fantascienza seria, e tutto quello che succede deve essere coerente e scientificamente corretto, o nel peggiore dei casi molto verosimile.

Star Wars comincia con “tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…” e poi giù con musica figa, spari, esplosioni, casino, spade laser e il salto nell’iperspazio.
Star Trek, invece, comincia con seghe mentali sull’esplorazione, la civiltà e l’universo, con una data stellare precisa, un preciso quadrante della galassia, e quindi il sistema e il pianeta di riferimento, il nome dell’astronave, eventuali altre astronavi presenti, lo scopo della missione, la situazione geopolitica, gli appunti del diario di bordo circa i problemi dei motori a curvatura che il signor Scott sta riparando, l’orario in cui le riparazioni dovrebbero essere ultimate, e il tempo recuperato grazie agli ottimi suggerimenti del signor Spock che ha riportato in anticipo i motori alla piena efficienza.
Poi forse dopo una mezz’ora comincia l’azione, ovvero una recluta a caso muore uccisa da un geranio alieno, quindi il dottor McCoy gli sente il battito, guarda il capitano, e dice “è morto, Jim”.

Ora, direte voi, Star Trek è una noia mortale.
Sbagliato: su Star Trek, per esempio, il capitano Kirk tromba sempre, umani e alieni, sesso interspecie. Su The Next Generation una volta fanno trombare addirittura un robot, e vi risparmio i dettagli del corteggiamento Klingon.
Invece su Star Wars non si tromba mai, un po’ perché ormai è roba Disney, un po’ perché non trombavano nemmeno prima.

Credo di essere stato esaustivo.

‪#‎starwars‬ ‪#‎startrek‬

« Older Entries