Tag Archives: Subvertising

Monte Cavo Mon Amour

Cliccalo per allargarlo

Tempo fa mi capitò di vedere un adesivo che sponsorizzava una delle bellezze naturali del Sol Levante, il Monte Fuji. Non ho mai visitato il Giappone ma sono quasi sicuro che l’indubbia bellezza creata dagli agenti atmosferici sulle catene montuose non sia nulla rispetto all’effetto che l’uomo può aggiungere all’opera delle intemperie. Dunque mi sono sentito obbligato a celebrare la montagna più bella dell’orografia castellana e mondiale. Read more

Darth Proffe Awakens

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Piccola locandina “di servizio” per un amico che malgrado sia mediamente intelligente ha questo gran difetto di sbrodolarsi per la saga più inutile della fantascienza.

Il microhero all’inizio doveva assomigliargli, poi mi sono dovuto scontrare con la dura realtà di non riuscire a trovare dei template con la pancia prominente, il nasone che fa provincia e le orecchie che potrebbero tranquillamente sostituire le antenne paraboliche. Il brizzolato invece è riuscito benissimo.

Salva

Salva

Be Terron

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Ennesimo subvertising del pessimo slogan del profeta della casa della mela.

Perchè se uno c’ha fame non deve essere folle, deve essere incazzato. Ed un meridionale, o un mezzo meridionale come me, è affamato anche dopo due chili e mezzo di pasta.

Nota di colore: l’autore del sito è pienamente cosciente del fatto che il peperoncino è un vegetale quindi la suddetta grafica non dovrebbe essere catalogata in “antiVegan” ma è anche sicuro che codesta magica pianta sia il risultato della trasformazione di un essere vivente da parte di qualche divinità. Un po’ come successe per Dafne nell’antica Grecia.

Khan Shot First

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Ritorniamo per la (speriamo) penultima volta alla saga più sopravvalutata della galassia, questa volta con il subvertising di una celebre campagna che chiedeva la fine del revisionismo dei film originali da parte di George Lucas.

Il personaggio in questione, il cattivissimo Khan della serie originale di Star Trek, ovviamente sfugge ai moralismi della saga fantasy spaziale che ora sta ritornando in auge e non si fa problemi a sparare per primo.

Questo invece è il commento di Dio sulle differenze tra la due saghe:

Tanta gente non ha ancora capito la differenza tra Star Wars e Star Trek, perciò mi assumo questo ingrato compito.
In realtà è molto semplice: Star Wars è future fantasy, ovvero una favola con robe futuristiche spaziali, che nella maggior parte dei casi non hanno senso, però sono molto fighe.
Star Trek invece è fantascienza seria, e tutto quello che succede deve essere coerente e scientificamente corretto, o nel peggiore dei casi molto verosimile.

Star Wars comincia con “tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…” e poi giù con musica figa, spari, esplosioni, casino, spade laser e il salto nell’iperspazio.
Star Trek, invece, comincia con seghe mentali sull’esplorazione, la civiltà e l’universo, con una data stellare precisa, un preciso quadrante della galassia, e quindi il sistema e il pianeta di riferimento, il nome dell’astronave, eventuali altre astronavi presenti, lo scopo della missione, la situazione geopolitica, gli appunti del diario di bordo circa i problemi dei motori a curvatura che il signor Scott sta riparando, l’orario in cui le riparazioni dovrebbero essere ultimate, e il tempo recuperato grazie agli ottimi suggerimenti del signor Spock che ha riportato in anticipo i motori alla piena efficienza.
Poi forse dopo una mezz’ora comincia l’azione, ovvero una recluta a caso muore uccisa da un geranio alieno, quindi il dottor McCoy gli sente il battito, guarda il capitano, e dice “è morto, Jim”.

Ora, direte voi, Star Trek è una noia mortale.
Sbagliato: su Star Trek, per esempio, il capitano Kirk tromba sempre, umani e alieni, sesso interspecie. Su The Next Generation una volta fanno trombare addirittura un robot, e vi risparmio i dettagli del corteggiamento Klingon.
Invece su Star Wars non si tromba mai, un po’ perché ormai è roba Disney, un po’ perché non trombavano nemmeno prima.

Credo di essere stato esaustivo.

‪#‎starwars‬ ‪#‎startrek‬

Rebrand Israel

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Poichè sono una persona estremamente faceta, mentre mi trovo al bagno non sono avvezzo alla lettura di testate giornalistiche dai contenuti intellettualmente elevati o foriere di grandi stimoli di discussione, essendo già io impegnato a ricercare ben altri stimoli di natura maggiormente biologica. Read more

Star Warsocialismo

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Andando contro ogni mio credo religioso mi sono cimentato nello sport più in voga del momento: produrre composizioni (pseudo)artistiche incentrate sulla serie cinematografica più famosa e sopravvalutata nella storia della fantascienza.

Chi non la conosce può colmare il proprio gap culturale ogni domenica a Communia in attesa dell’uscita del settimo capitolo della saga.

Chi già la conosce potrà apprezzare il (banalissimo) gioco di assonanze tra la celebre citazione, la giornata mondiale in cui si celebra la suddetta saga e la nota organizzazione rivoluzionaria.

Star Wars non è una visione corretta in quanto insegna il messaggio sbagliato: il Bene vince sempre sul Male.

Nella realtà è il Socialismo che vince sempre sul Male ed è il messaggio trasmesso invece da Star Trek.

(autocit.)

 

Straight outta Castles: 2 anni dalla rivolta di Albano

Due anni fa nelle strade dei Castelli Romani abbiamo assistito (e partecipato) ad una delle poche (forse l’unica), genuine rivolte popolari antifasciste degli ultimi tempi. Un’intera giornata trascorsa ad assediare una chiesa per impedire la tumulazione del boia delle Fosse Ardeatine e a difendersi dai vili assalti dei neofascisti e della polizia.

Read more

« Older Entries