Category Archives: Dichiarazioni Solenni

Un 2016 di neanche troppe stupidaggini

Un 2016 sfavillante per le sponde elettroniche di questo sito, sicuramente più della vita reale del suo creatore.

Le statistiche che tutti i miei lettori attendevano con immotivata ansia sono giunte anche se monche dei mesi di luglio ed agosto a causa di un problema tecnico che avevo ben poca voglia di riparare.

Innanzitutto l’anno passato ha visto l’affluenza di oltre 4,800 visitatori e la pubblicazione di 30 locandine.

A dispetto del titolo del sito vi siete soffermati su roba ben più seria delle mie solite stupidaggini in (il)libertà.

Questa è la top-ten delle novità. Read more

Dalle giungle di Phnom Penh alle urne italiane: cinque anni di stupidaggini.

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Niente da fare: in Italia il vento del cambiamento è stato repentinamente arrestato dall’inerzia di un popolo che ha preferito la conservazione al NUOVO™.

Lessico renziano a parte siamo tutti contenti della vittoria del No e posso finalmente dire dopo 15 anni di militanza di aver contribuito a far cadere un governo borghese. Ovviamente questa ardua lotta non sarebbe stata vinta senza l’aiuto del presidente Pol-Pot che ci ha inviato due commissari politici direttamente dalla Kampuchea Democratica. Questo è un attestato di “stima” per il Talleyrand del Partito Democratico e per il Peròn della destra italiana, due tizi che tutti stanno provando a “rottamare” da circa dieci anni ma che alla fine si ritrovano sempre sulla riva del proverbiale fiume guardando scorrere i cadaveri dei loro avversari. Il tutto mentre il CNEL, additato come fonte di tutti i mali e gli sprechi della Repubblica, è sopravvissuto al tentativo di cancellarlo.

In tutto questo oggi il blog compie il suo primo lustro. Torno a fare ironia sulla politica nazionale proprio come facevo agli esordi in cui celebravo l’infausta nascita del Governo Tecnico, film di cui forse dobbiamo aspettarci un remake.

P.S.: malgrado l’ironia al referendum ho votato veramente per il NO. Questo l’appello lanciato dalla pagina facebook del blog:

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Jurassic Pork

jurassicparkCliccalo per allargarlo

Questa è una facilissima ironia sull’ultraottuagenario che (ri)occuperà il Quirinale per i prossimi sette anni.

Detto questo non credo che un presidente più giovane avrebbe fatto la differenza.

Non credo che un presidente non proveniente dalla “politica” avrebbe fatto la differenza.

Dubito seriamente che un Parlamento composto in massima parte da ladroni e da consiglieri d’amministrazione dell’Italica borghesia (con unica nota stridente il Movimento 5 Stelle araldo del “poche idee ma confuse”) potesse eleggere una brava persona.

Nemmeno ce la voglio una brava persona al Quirinale: il prossimo presidente dovrà controfirmare tutti gli atti del futuro governo. Atti che richiederanno le nostre lacrime ed il nostro sangue.

Il presidente è un nostro nemico e finchè la compagneria perderà tempo dietro le alchimie parlamentari (da cui tra l’altro è stata esclusa per la seconda volta consecutiva dai propri soggetti sociali di riferimento) invece di ragionare sul come ricreare la coscienza di classe e riportare il conflitto nei luoghi di lavoro e nelle piazze continueremo a farci asfaltare la capoccia dal padronato e dai suoi rappresentanti politici.

Un anno di stupidaggini in (il)libertà

E siamo ad un anno di stupidaggini in illibertà.
S’è iniziato 366 giorni fa cominciando a mettere le locandine pubblicitarie del film horror del secolo (con la più orrorifica ministra del millennio).
In un anno sono passati 3559 visitatori che hanno visualizzato 12173 pagine. Peccato che la maggioranza viene a me cercando su google “soldatesse hot” (sono il primo risultato nella ricerca di google).
La maggior parte di voi si legge i miei Daily BookMarx, andando poi a sostenere la candidatura di Samara alle primarie del Pidì, a leggersi le Mirabolanti avventure di Kinder Ferrero e a ribadire il proprio odio per i pizzardoni.
Ho inserito 137 stupidaggini (più o meno serie, più o meno facete) e 28 grafiche prese da artisti veri (che però non ribloggo più da quando mia madre ha cominciato a credere che fossi io il cartoonista brasiliano Carlos Latuff).
Ho quasi riempito la metà dello spazio concessomi da Altervista, quindi prevedo che questo stupidario durerà almeno fino a maggio.

Intanto mi rivendo i vostri IP a Zurckeberg…

Stay Tuned
Srell al-Masri

 

Centesimo inserimento!

Ovviamente questo è il 101esimo.
Il centesimo è stato quello per la battaglia degli stomaci vuoti (e l’ironia del destino ha voluto che fosse uno dei pochi inserimenti seri presenti su questo sito).
Dei cento inserimenti solo 15 provengono da altre parti. E parliamo di altre vignette, oppure della neonata categoria TV (in cui raccolgo video sparsi in rete). Questo è per rispondere a chi mi ha sempre ritenuto un grigio burocrate (me in primis).
Per il resto sono solo grandi soddisfazioni se calcoliamo che è un archivio di roba che dovrebbe rimanere tendenzialmente privata: in cinque mesi sono passati oltre 1500 visitatori che hanno visto 3708 pagine, 143 abbonamenti agli rss. Non so se debba farmi piacere invece il fatto che in molti arrivano dal Google cercando “Soldatesse Hot” (grazie a questo articolo sono il secondo risultato!).
Purtroppo solo una minoranza di voi accede da computer su cui gira il Bene (nella sua declinazione GNU/Linux), Windows continua ad avere la preponderanza. Meglio sul lato browser dove la maggioranza relativa utilizza firefox subito seguito dal Male nella sua declinazione Googlesca (aka Chrome). La buona notizia è che Internet Explorer è in via d’estinzione.
La composizione dei visitatori è essenzialmente italiana, con punte anglofone, francesi, tedesche, palestinesi. È stata una sorpresa trovare un visitatore israeliano ed uno afghano.
Per adesso ho consumato il 30% dello spazio a mia disposizione. Con questi ritmi il sito morirà tra altri dieci mesi.
Stay Humid
Srell al Masri 

 

« Older Entries