Tag Archives: Prossimamente al cinema

Resistenza replicante | Blade Runner

Blade Runner 2049 Replicant Resistance

Cliccalo per allargarlo

Come scrissi recentemente la carenza di idee degli sceneggiatori di Hollywood fa si che le produzioni cinematografiche si spostino su grandi operazioni-nostalgia per il pubblico dei trenta-quarantenni. La lista dei seguiti, remake e reboot degli ultimi tempi è lunga e dai risultati alterni, in qualche caso (anzi uno: Stranger Things) si è addirittura riusciti a fare qualcosa di originale.

Ora hanno provato a sgravare: si sono cimentati con il seguito di uno dei migliori film della storia della fantascienza. Read more

Brega Vs. Scott | Boxe night!

Mario Brega vs. Gordon Scott

Cliccalo per allargarlo

È ben noto che sono affetto da una gravissima forma di fanatismo castellano, fatto che da molti viene scambiato per un’acuta forma di nazionalismo che mi impedisce di apprezzare le altre culture, soprattutto quelle dei miei vicini.

Già in passato ho confutato questa ipotesi dedicando una cartolina (anzi, più di una) al più fulgido esempio della romanità e non potevo certo esimermi dal celebrare la sua controparte maschile.

Se la Sora Lella è la Giunone dell’Urbe tardo novecentesca, Mario Brega ne è contemporaneamente il Giove e l’Eracle: perenne messicano negli spaghetti western interpretati in gioventù, in età avanzata si è trasformato nella sintesi del romanaccio caciarone, spesso di buon cuore e ancor più spesso irascibile e manesco.

Potevo ricordare il celebre “sta mano può esse fero o può esse piuma“, la storia degli apprezzamenti alla figlia a Via Veneto o l’offerta di olive greche e prosciutto dolce come un zucchero, ma la sua vicenda più eroica è sicuramente quella in cui lui, sconosciuto attore italiano, si ritrova a stendere a cazzotti il famoso attore ed ex pugile Gordon Scott.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Tartarughe ninja antifasciste – 8 bit edition

antifascist teenage ninja turtles 8-bit

Cliccalo per allargarlo

Negli ultimi anni la carenza di originalità nelle sceneggiature cinematografiche viene compensata facendo leva sulle nostalgie degli spettatori riproponendo rifacimenti dei classici dell’infanzia.

Ovviamente anche io sono cascato nella trappola del revival e torno ad omaggiare le antifascistissime tartarughe ninja, stavolta con una grafica retrò ad 8-bit per i nostalgici dei vecchi videogiochi.

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Darth Proffe Awakens

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Piccola locandina “di servizio” per un amico che malgrado sia mediamente intelligente ha questo gran difetto di sbrodolarsi per la saga più inutile della fantascienza.

Il microhero all’inizio doveva assomigliargli, poi mi sono dovuto scontrare con la dura realtà di non riuscire a trovare dei template con la pancia prominente, il nasone che fa provincia e le orecchie che potrebbero tranquillamente sostituire le antenne paraboliche. Il brizzolato invece è riuscito benissimo.

Salva

Salva

Khan Shot First

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Ritorniamo per la (speriamo) penultima volta alla saga più sopravvalutata della galassia, questa volta con il subvertising di una celebre campagna che chiedeva la fine del revisionismo dei film originali da parte di George Lucas.

Il personaggio in questione, il cattivissimo Khan della serie originale di Star Trek, ovviamente sfugge ai moralismi della saga fantasy spaziale che ora sta ritornando in auge e non si fa problemi a sparare per primo.

Questo invece è il commento di Dio sulle differenze tra la due saghe:

Tanta gente non ha ancora capito la differenza tra Star Wars e Star Trek, perciò mi assumo questo ingrato compito.
In realtà è molto semplice: Star Wars è future fantasy, ovvero una favola con robe futuristiche spaziali, che nella maggior parte dei casi non hanno senso, però sono molto fighe.
Star Trek invece è fantascienza seria, e tutto quello che succede deve essere coerente e scientificamente corretto, o nel peggiore dei casi molto verosimile.

Star Wars comincia con “tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…” e poi giù con musica figa, spari, esplosioni, casino, spade laser e il salto nell’iperspazio.
Star Trek, invece, comincia con seghe mentali sull’esplorazione, la civiltà e l’universo, con una data stellare precisa, un preciso quadrante della galassia, e quindi il sistema e il pianeta di riferimento, il nome dell’astronave, eventuali altre astronavi presenti, lo scopo della missione, la situazione geopolitica, gli appunti del diario di bordo circa i problemi dei motori a curvatura che il signor Scott sta riparando, l’orario in cui le riparazioni dovrebbero essere ultimate, e il tempo recuperato grazie agli ottimi suggerimenti del signor Spock che ha riportato in anticipo i motori alla piena efficienza.
Poi forse dopo una mezz’ora comincia l’azione, ovvero una recluta a caso muore uccisa da un geranio alieno, quindi il dottor McCoy gli sente il battito, guarda il capitano, e dice “è morto, Jim”.

Ora, direte voi, Star Trek è una noia mortale.
Sbagliato: su Star Trek, per esempio, il capitano Kirk tromba sempre, umani e alieni, sesso interspecie. Su The Next Generation una volta fanno trombare addirittura un robot, e vi risparmio i dettagli del corteggiamento Klingon.
Invece su Star Wars non si tromba mai, un po’ perché ormai è roba Disney, un po’ perché non trombavano nemmeno prima.

Credo di essere stato esaustivo.

‪#‎starwars‬ ‪#‎startrek‬

Proletari in divisa (bianca)

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Update 19/12/2015

Avevo ragione io.

SPOILER

Finn was a human male who served as a First Order Stormtrooper, designation FN-2187 and known to his fellow soldiers as Eight-Seven. He was considered one of the group’s best stormtroopers before he defected to join the Resistance in their struggle against the First Order.

 (Continua su Wookiepedia–>)


 

Fin da bambino, quando vidi il mio primo film di Guerre Stellari su Rete 4, più che alambiccarmi sulla trama della vecchia trilogia preferivo interrogarmi sulla misteriosa figura degli stormtrooper. Read more

Star Warsocialismo

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Andando contro ogni mio credo religioso mi sono cimentato nello sport più in voga del momento: produrre composizioni (pseudo)artistiche incentrate sulla serie cinematografica più famosa e sopravvalutata nella storia della fantascienza.

Chi non la conosce può colmare il proprio gap culturale ogni domenica a Communia in attesa dell’uscita del settimo capitolo della saga.

Chi già la conosce potrà apprezzare il (banalissimo) gioco di assonanze tra la celebre citazione, la giornata mondiale in cui si celebra la suddetta saga e la nota organizzazione rivoluzionaria.

Star Wars non è una visione corretta in quanto insegna il messaggio sbagliato: il Bene vince sempre sul Male.

Nella realtà è il Socialismo che vince sempre sul Male ed è il messaggio trasmesso invece da Star Trek.

(autocit.)

 

« Older Entries