Tag Archives: Prossimamente al cinema

Darth Proffe Awakens

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Piccola locandina “di servizio” per un amico che malgrado sia mediamente intelligente ha questo gran difetto di sbrodolarsi per la saga più inutile della fantascienza.

Il microhero all’inizio doveva assomigliargli, poi mi sono dovuto scontrare con la dura realtà di non riuscire a trovare dei template con la pancia prominente, il nasone che fa provincia e le orecchie che potrebbero tranquillamente sostituire le antenne paraboliche. Il brizzolato invece è riuscito benissimo.

Salva

Salva

Khan Shot First

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Ritorniamo per la (speriamo) penultima volta alla saga più sopravvalutata della galassia, questa volta con il subvertising di una celebre campagna che chiedeva la fine del revisionismo dei film originali da parte di George Lucas.

Il personaggio in questione, il cattivissimo Khan della serie originale di Star Trek, ovviamente sfugge ai moralismi della saga fantasy spaziale che ora sta ritornando in auge e non si fa problemi a sparare per primo.

Questo invece è il commento di Dio sulle differenze tra la due saghe:

Tanta gente non ha ancora capito la differenza tra Star Wars e Star Trek, perciò mi assumo questo ingrato compito.
In realtà è molto semplice: Star Wars è future fantasy, ovvero una favola con robe futuristiche spaziali, che nella maggior parte dei casi non hanno senso, però sono molto fighe.
Star Trek invece è fantascienza seria, e tutto quello che succede deve essere coerente e scientificamente corretto, o nel peggiore dei casi molto verosimile.

Star Wars comincia con “tanto tempo fa, in una galassia lontana lontana…” e poi giù con musica figa, spari, esplosioni, casino, spade laser e il salto nell’iperspazio.
Star Trek, invece, comincia con seghe mentali sull’esplorazione, la civiltà e l’universo, con una data stellare precisa, un preciso quadrante della galassia, e quindi il sistema e il pianeta di riferimento, il nome dell’astronave, eventuali altre astronavi presenti, lo scopo della missione, la situazione geopolitica, gli appunti del diario di bordo circa i problemi dei motori a curvatura che il signor Scott sta riparando, l’orario in cui le riparazioni dovrebbero essere ultimate, e il tempo recuperato grazie agli ottimi suggerimenti del signor Spock che ha riportato in anticipo i motori alla piena efficienza.
Poi forse dopo una mezz’ora comincia l’azione, ovvero una recluta a caso muore uccisa da un geranio alieno, quindi il dottor McCoy gli sente il battito, guarda il capitano, e dice “è morto, Jim”.

Ora, direte voi, Star Trek è una noia mortale.
Sbagliato: su Star Trek, per esempio, il capitano Kirk tromba sempre, umani e alieni, sesso interspecie. Su The Next Generation una volta fanno trombare addirittura un robot, e vi risparmio i dettagli del corteggiamento Klingon.
Invece su Star Wars non si tromba mai, un po’ perché ormai è roba Disney, un po’ perché non trombavano nemmeno prima.

Credo di essere stato esaustivo.

‪#‎starwars‬ ‪#‎startrek‬

Proletari in divisa (bianca)

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Update 19/12/2015

Avevo ragione io.

SPOILER

Finn was a human male who served as a First Order Stormtrooper, designation FN-2187 and known to his fellow soldiers as Eight-Seven. He was considered one of the group’s best stormtroopers before he defected to join the Resistance in their struggle against the First Order.

 (Continua su Wookiepedia–>)


 

Fin da bambino, quando vidi il mio primo film di Guerre Stellari su Rete 4, più che alambiccarmi sulla trama della vecchia trilogia preferivo interrogarmi sulla misteriosa figura degli stormtrooper. Read more

Star Warsocialismo

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

Andando contro ogni mio credo religioso mi sono cimentato nello sport più in voga del momento: produrre composizioni (pseudo)artistiche incentrate sulla serie cinematografica più famosa e sopravvalutata nella storia della fantascienza.

Chi non la conosce può colmare il proprio gap culturale ogni domenica a Communia in attesa dell’uscita del settimo capitolo della saga.

Chi già la conosce potrà apprezzare il (banalissimo) gioco di assonanze tra la celebre citazione, la giornata mondiale in cui si celebra la suddetta saga e la nota organizzazione rivoluzionaria.

Star Wars non è una visione corretta in quanto insegna il messaggio sbagliato: il Bene vince sempre sul Male.

Nella realtà è il Socialismo che vince sempre sul Male ed è il messaggio trasmesso invece da Star Trek.

(autocit.)

 

1965-2015: spice still flows

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

So bene di essermi copiato ma non potevo esimermi dal celebrare il cinquantennale di una delle saghe di fantascienza più famose della storia della letteratura, creata dal genio di Frank Herbert.

Sei libri di cui l’unico realmente eccelso è il primo, un’epica saga familiare ambientata durante un medioevo tecnologico posto a migliaia di anni nel futuro rispetto ai giorni nostri.

Dune parla della strenua lotta di un giovane nobile detronizzato che cerca di riconquistare il proprio feudo: Arrakis, un misterioso pianeta desertico dove si estrae la Spezia, la droga che garantisce il mantenimento della civiltà galattica. Come un novello Lawrence d’Arabia farà convergere i propri interessi dinastici con le rivendicazioni anticoloniali dei fremen, la popolazione autoctona che da millenni si trova ad essere marginalizzata e sfruttata dalle casate nobiliari. Con questa strana alleanza il giovane Atreides e le sue armate di fedayn riusciranno a mettere sotto scacco persino l’imperatore galattico, Saddam IV, arrivando al punto in cui Arrakis diviene il centro dell’universo e quest’ultimo quasi sembra girargli attorno.

Sicuramente non stiamo parlando di un romanzo antimperialista o anticapitalista, è pur sempre un nobile bianco a permettere la liberazione dei selvaggi, ma resta comunque un ottimo romanzo epico con una trama costruita eccelsamente e che ha dato vita ad un universo affascinante ed estremamente complesso.

Resta poi da ricordare che è grazie a questa saga che esiste gran parte della fantascienza successiva: l’opera di Herbert è stata apprezzata (e a volte scopiazzata) da gente del calibro di George Lucas, James Cameron, Isaac Asimov, Stephen King, Alejandro Jodorowski (che ha iniziato a lavorare ad una trasposizione cinematografica poi cancellata in cui avrebbero lavorato Moebius, Giger, i Pink Floyd e Salvador Dalì) e molti altri.

Insomma prima di Trono di Spade e Star Wars c’era Dune.

Vedi la scheda su Anobii

Dimenticavo! Un fan ha ricostruito una versione (ancora più) estesa del film di Lynch.

Concorsone tardo-primaverile/pre-estivo!

Cliccalo per allargarlo

Cliccalo per allargarlo

VAI AGLI INDIZI

(Il prossimo indizio verrà pubblicato domenica 31/05 alle ore 16:00)

A più di un anno dall’ultimo invito a stuzzicare i neuroni ritornano i celebri concorsoni di al-Masri!

Come richiedeva la penultima prova d’intelletto sottopostavi anche ‘sta botta lo scopo è indovinare il titolo del libro, film o fumetto (niente giambi alessandrini) da cui è tratta l’immagine di cui sopra (ovviamente potrebbe essere solo uno dei tre, oppure un film novellizato e fumettato, un fumetto fatto a film e novellizzato od un romanzo trasposto al cinematografo da cui hanno tratto un fumetto). Ovviamente anche l’anno di edizione (Usate wikipedia, non è complesso).

Il (‘sta botta ricchissimo) premio: il mio famoso impasto per i falafel, un poster (a scelta tra [1] e [2]) e qualche cartolina assortita. Vale ricordare che non mi si potrà dire «Lasciami solo i falafel, il manifesto te lo puoi pure tenere» pena la mancata consegna di entrambi i premi e la frattura di un numero variabile di arti che può oscillare da 1 a 3.

Regolamento:

  • Avete centosessantotto ore di tempo per indovinare (si chiude il tutto alle 16:00 di lunedì 1 giugno 2015);
  • Vince chi da la risposta giusta per prim°;
  • Se entro novantasei ore (quindi venerdì 29 alle 16) nessuno avrà indovinato sarà pubblicato un piccolo aiutino (ma piccolo piccolo);
  • Potete partecipare solo commentando questo post (commenti in altri inserimenti o aSocial Network vari non verranno considerati);
  • Dal commento si dovrà capire chi è che scrive, quindi usate soprannomi comunemente utilizzati con me od indirizzi e-mail che conosco;
  • La consegna del ricco premio avverrà solamente in zona Castelli Romani o Roma Sud in tempi accettabili (cioè quando lo dico io). Perciò se siete forestieri e non potete recarvi in queste zone in tempo accettabile saltate il turno, sennò rosicate. Si fanno eccezioni per defunti ed ospedalizzati che verranno raggiunti in tutti i campi santi ed i nosocomi di Roma e Castelli!
  • Potreste vincere ma essere in capo al mondo, in questo caso il premio verrà consegnato brevi manu se e solo se mi pagherete il biglietto aereo e mi ospiterete per una vacanza di almeno una settimana. Ovviamente ciò avverrà solo se siete residenti in paradisi terrestri dove c’è una temperatura non inferiore ai 25 gradi e specchi d’acqua in cui fare il bagno bevendo superalcolici. La presenza di indigene in bikini va benissimo.

Questo è tutto ciò che bisogna sapere.

Buona competizione!

Indizio N°1

Il titolo in questione è quello di un film (tratto da un libro) di scienza fantastica ambientato nel 2022 e che tratta di alimentazione e mutamenti climatici.

« Older Entries