Castelli Twin Peaks

L’anno scorso decisi di colmare un’immensa lacuna culturale e mi lanciai in un binge watching di Twin Peaks. Nel complesso la serie non mi piacque: era troppo cervellotica e intricata per quella che doveva essere una visione estiva post-prandiale, mia madre, invece, mi fece comprendere che quella storia aveva molti punti in comune con le nostre vite e che di fatto era ambientata nei Castelli Romani.

LE VETTE GEMELLE

È evidente già dal nome che gli sceneggiatori si sono ispirati alle nostre rocche gemelle che già in passato vennero decantate da un famoso scrittore fantasy.

NATURA INCONTAMINATA

La sigla parla da sola: lo show è ambientato in una zona verde fatta di boschi, fiumi e laghi. A parte un piccolo aiuto da parte dell’uomo anche il Parco dei Castelli Romani è un piccolo paradiso terrestre.

I MATTI

Twin Peaks è piena di personaggi che la sinossi di IMDB definisce “stravaganti”. In verità è piena di persone completamente folli: dall’agente Cooper alla signora che parla con il ciocco di legno è complicato trovare qualcuno dotato di un minimo di sanità mentale. Mia madre disse «Ammazza che gabbia di matti, sembra Genzano!» ma la cruda verità è che tutti i Castelli sono popolati da creature singolari.

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Rispondi