24/04: Antifascismo ai Castelli Romani

locanda_20140424_roccadipopstnCliccalo per allargarlo

Dopo l’aggressione di ieri a Frascati si pone sempre di più il problema di dover partecipare all’iniziativa con la locandina più greve del mondo.

Stamane, 14/04/14, uno studente del liceo “Cicerone” di Frascati è stato vittima dell’ennesima aggressione fascista, condotta con l’ormai consueta vigliaccheria propria dei militanti di estrema destra.

Il tutto è accaduto nella prima mattinata, mentre lo studente si accingeva ad entrare a scuola. All’entrata è stato fermato da un gruppo di dieci neofascisti, riconducibili a “blocco studentesco”, i quali lo hanno aggredito fisicamente e verbalmente. Il compagno, con intelligenza, non è caduto nella becera e vigliacca  provocazione, lasciando i dieci neofascisti nella loro bassezza. Per le percosse subite al volto, lo studente si è recato al pronto soccorso, dove gli sono stati prescritti sette giorni di prognosi.

E’ evidente la connessione tra quanto accaduto ed il fatto che lo studente, appartenente al collettivo studentesco del Cicerone, insieme ad altri collettivi studenteschi dispiegati sul territorio dei Castelli Romani e a varie realtà presenti sul medesimo territorio, stesse portando avanti la costruzione della giornata del 24 Aprile;  una giornata costruita dal basso che metterà al centro, proprio alla vigilia dell’anniversario della Liberazione italiana dal Nazifascismo, la determinazione nel negare qualsiasi forma di legittimità a chi si fa portatore di ideali ispirati a vecchi e nuovi fascismi.

Siamo complici e solidali con il compagno vittima dell’aggressione, con il collettivo del liceo Cicerone e con gli studenti dello stesso liceo, cui già la sola presenza di gruppetti neofascisti davanti la scuola reca un’offesa ingiustificabile.

A chi si fa autore di queste azioni vigliacche non resta che la nostra determinazione nel negargli ogni spazio, fisico,politico- sociale e culturale. Non ci lasciamo intimidire da queste sterili aggressioni, che non fanno altro se non evidenziare una continuità tra il nuovo fascismo e quello vecchio, confermando l’incapacità inerente a qualsivoglia ambito dei suddetti neofascisti. Ai Castelli Romani non si passa.

Uniti nella lotta e nell’Ideale Antifascista – Occupazioni Precar* Student*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *